venerdì 18 luglio 2014

Rete Archivi Piani Urbanistici, ergo RAPU





Il patrimonio urbanistico italiano è un vero e proprio contesto museale stratificato a cielo aperto, costruito lungo il corso dei secoli arriva dritto sino al nostro contemporaneo.
La pianificazione urbanistica è la base dell’organizzazione razionale degli spazi di un contesto economico e sociale, per questo deve, prima di tutto, basarsi, per la progettazione, sullo studio dei piani urbanistici storici.
La conoscenza del proprio profilo urbanistico permette di costruire in modo responsabile, però, in Italia, non è sempre così semplice consultare liberamente la documentazione tecnica di riferimento; per risolvere questa problematica è nato l’archivio digitaledell’urbanistica italiana dall’unità nazionale ad oggi.

La difficoltà di accedere ai documenti originali in cartaceo viene superata da un archivio digitale che raccoglie un ricco patrimonio documentale urbanistico, organizzato in indici e cataloghi uniformati ed informatizzati facilmente consultabili[2], grazie alla collaborazione di un gruppo di enti sparsi su tutto il territorio nazionale.
Il digitale favorisce la conoscenza e il libero accesso alle fonti con l’indubbio vantaggio di evitare i rischi di danneggiamento, causati dalle ripetute consultazioni, dei supporti originali.
Il Politecnico di Milano, in collaborazione con la Triennale di Milano, si propone di mettere in relazione gli enti[3] con il preciso obiettivo di favorire la fruizione semplificata ed on line di un sapere teorico e tecnico-progettuale di fondamentale importanza per un equilibrato sviluppo dei contesti urbanistici contemporanei.

Con un sistema di ricerca molto semplice da utilizzare si possono consultare on line le planimetrie e i documenti di proprio interesse, corredati da scheda sintetica informativa e dalla pianta, pubblicata con una risoluzione di agevole lettura.
Naturalmente, per i professionisti del settore e gli studiosi, non sempre è sufficiente visionare solo una  riproduzione digitale ma è di certo un valido aiuto per una consultazione veloce e diretta di una documentazione altrimenti difficilmente accessibile e, soprattutto, sparsa su tutto il territorio nazionale.

L’idea è molto interessante sia per la costruzione di una rete di entità diverse convergenti in un unico portale, sia per la facilità di fruizione dei contenuti.
Quando il Web diventa uno spazio di libera circolazione e fruizione della conoscenza, attraverso la consultazione delle fonti, è sempre un fattore positivo, sebbene non sempre abbia esisti di uguale portata.








     
 B. Saccagno



 * Immagine, Stralcio Cartografia IGM





[1] Laboratorio RAPU Dipartimento di Architettura e Pianificazione Politecnico di Milano Via Garofalo, 39 - 20133 Milano, rapu@polimi.it
[2] Il range cronologico del materiale consultabile si estende dal 1838 al 2001.
[3] La rete Rapu comprende Rapu Politecnico di Milano, Rapu Triennale di Milano, Archivio dei piani - Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Università di Genova, Archivio dei piani storici - Planning center Emila Romagna, Planum - European journal of planning.