lunedì 16 febbraio 2015

Intervista a Carla Cecere




Artista

Carla, you are a dynamic and eclectic artist with a great background, rich of 
experience and travel.  In brief, would you like to say something about yourself and the path which led you to choose art as a profession?

«From my early childhood, I loved to create and play with color. 
My nature was curious and therefore, I needed to discover and to be challenged with learning.  I liked to experiment  with different substances, being herbs for cooking, vinegar, dirt, leaves from trees, paper, water and mixing them to invent new creations. 
I liked being with people, seeing  them laugh, bringing  them together and helping in times of need.

My mother was a gifted pianist (but for economic and family reasons, could not continue) and my father was born as an artist\engineer and applied these talents working as a Pattern Maker (in wood and steel) for the aerospace industry, water systems and even the US government.  Our house was always filled with music, literature and discussions about architecture, design and the arts.  
Everyone in my family were good cooks and valued quality food and nutrition;  I spent most of my weekends in the kitchen helping my grandmother cook and experimenting to create my own recipes. 

During my high school years, I decided that I wanted to become a commercial artist, and my projects would need to  communicate a spiritual message.  I enjoyed courses in science and psychology,  as well as spiritual literature – both Asian and Western.
By the age of 17, several of my works were exhibited in major museums  Los Angeles County Museum, I had won numerous prizes and competitions from prestigious organizations, including from the US Postal Services, Bank of America. I was accepted at Art Center College of Design, one of the top 3 designs schools in the US.
Being from parents of Italian Catholic background, who believed that an artist has to suffer to survive, the “proper” education would be in an “intellectual” subject, taught by Jesuit priests.  Not having financial or emotional family support to attend Art Center, I enrolled at Loyola Marymount University, majoring in Psychology and Fine Arts.  During University I worked to manage an art gallery, which included doing the picture framing and interior design with clients works of art.
I also attended one year of University in Rome,  where a new world opened. Through my studies and travels,  my perspective on life and people opened  which marked an important turning point in my life.
Needing to support myself, and for family reasons, I decided to use my degree in Psychology and began working as an “International Management Consultant” with leading public and private multinational organizations throughout Europe and South East Asia.  
Working and meeting people from different countries, being nurtured and stimulated by the richness of ancient cultures, traditions, the arts and history I learned that in order to really understand and value other people, one needs to fully understand their backgrounds.  

Already at the age of 6, I had a desire to live and work in both Asia and Europe, maybe I already understood this concept at that age.

After I worked for 5 years as a professional international management consultant, I decided to return to further my studies and obtained a Master’s Degree in International Organization Behavior at the University of Southern California. During and upon completion of my Mater’s degree, I continued working, although on even more influential projects, associated with University Professors expert in the field of “International Change Management” in both Europe and South East Asia. 
My personal spiritual  mission as a consultant was to help people discover, for themselves,  their own happiness.  I believed that if people were happy and doing what they felt passionate about, they would, in turn be productive and profitable for organizations and society.

Throughout my 23 years as a management consultant, I maintained my interests in the arts by collecting, and buying and selling pieces throughout my travels, as well as exchanging creative ideas with other artists and architects.

Finally, given the change in the economy and work place values in the mid 90’s, (which no longer coincided with my own, at this time I was living in Italy), and my strong need to express my artistic side, I found the courage and strength to leave my rewarding and successful  career as a management. Before I left consultancy, I accepted a 2 year contract in Hong Kong with a major English consulting firm to create new consulting services throughout South East Asia. Over midway through this assignment, my values and work ethics were challenged even more so, enough to give me the strength to go back to Italy and follow my childhood dream. 
I relocated  to Veneto, where I had wanted to live since the age of 13 to learn the ceramic techniques at Bassano del Grappa and to be near Venice. 
In Veneto, I returned to working in ceramics.  
During my eight years in living and working in Veneto,  I was privileged to meet and develop wonderful relationships with some of Italy’s renowned artists such as: Gianmaria Potenza, Alberto Gianquinto, Vittorio Basaglia, Angelo Zennaro, Pino Castagna and Carmelo Zotti.  Months after I began working in the arts, I had numerous commissions and invitations for exhibitions and collaborations throughout Italy and abroad with prestigious organizations which included:  the United Nations in Vienna, Peggy Guggenheim – Venezia, Kunst Meran – Merano, Ubaldo Grazia – Deruta.  
Living near  Venice my creativity was stimulated to the extent that I could not paint as quickly as ideas where coming to me.

It was emotionally, psychologically and economically challenging at times for me to make changes required from being a management consultant to going back to the arts.  
My decision to “become” an artist was not conscious;  it was subconscious,  there was a little voice inside of me that  gave and continues to give me the strength and courage to work in this direction. 

I have recently come to recognize how my upbringing and professional background and life experiences  have contributed and enriched my art.  
I hope that my vast life experience enables my art to be shared and resonate with a great number of individuals and societies of people from different cultures and backgrounds».

You work with different materials, ceramic, textiles, canvas, etc.  
What do you prefer to work with and why?

«There are several reasons why I like using different materials and media. 
Using different media and materials enables me to express different emotions, sensations and thoughts.  Depending what I am feeling and wanting to express, determines the media that I select.   I like challenges, learning and finding solutions;  working with different materials and media satisfies these needs.  Also, it is due to my education\the school curriculum.

I prefer working with ceramics.
 
There are many reasons why I like to work with clay: Clay is alive, always moving, (technically speaking) as it is a flexible material  which allows sensations and emotions slowly unfold until they take a shape. The characteristic of clay brings forth messages hidden in the subconscious or the super conscious to a conscious level in a gentle way; clay has dimension, it stimulates the senses of touch, sight and even smell, so, in my opinion, it seems more “real”;  working with clay has a calming and relaxing effect,  which  has been scientifically proven; ceramic objects can be both artistic as well as functional\utilitarian, so these objects become easier to incorporate in ones day to day life; I enjoy creating new recipes and all types  of cuisine, as well as interest in nutrition, and  color. Therefore I can “apply” and integrate my creations with my interests; and finally and maybe most importantly, it is “destiny” or a natural instinct».

Would you give us your personal definition of an “artist”?

«In general an artist is anyone who creates through painting, sculpting, drawing, music, theater, writing, etc

The definition of an artist as it relates to my art is someone, who expresses messages, sensations, emotions that are in their heart and soul that reflect moments and experiences from their own and  those felt of others past, present and, at times, even the future».

In our “Liquid World”, as defined by Bauman, certainty is lacking, and culture is often considered as a “tail-light, ” whereas on the contrary,  culture is the “headlight” to escape from this vicious circle. 
Art, Culture, Beauty  were always the guiding spirit to transform moments in crisis  into extraordinary opportunities by turning the cards on the table, as they arrive from the mind and spirit and thus,  people are not left to fall empty either in horror or insecurity. 
In your opinion, what role should Art play in today’s world?

«I agree with this statement.  
I believe that Art in today’s current situation should be considered as an invaluable catalyst for change.
If  we accept and value Art to foster collaboration between societies\countries and to bring communities together, Art has an extremely powerful  role to bring about change that politics, traditional medicine etc cannot address.

Given the premise that Art has and is been considered  as a: 
·        
      “Product” of culture which reflects how people see themselves and the world around them; 
·         Form” of documentation of our present\history, illustrating cultural values, thinking and emotions;
·         Means” to depict  both beauty and suffering; 
·         Instrument”  to assist people to explore their emotions and thoughts, both those known and those hidden in their subconscious; 
·         Model” in risk taking and invention. An artist’s takes risks, develops new ways at looking at things – combining creativity and invention. Therefore, there is no doubt that Artists and Art are leaders for the process of change.

To create the most effective change, artists need to create from their hearts and soul – the place of purity, truth and love. Art needs to challenge one to really see and feel what is inside themselves and others. Art and people’s experiences of it need to be shared. 
With our current worldwide and individual difficulties, it is challenging not only for all individuals in society today but also for a sensitive artist to go beyond the  pain and suffering. 
Although an artist has the gift to go beyond what is happening in the outer world by touching,  interpreting and expressing messages from his\her soul and heart.   

Artist’s need to not let the current reduced spending and increased fear and insecurity in today’s world stop him\her but to feel challenged and driven to take on greater risks,  inventing and creating in search for discovering that what is new and even better.   

An artist needs to share his\her art and to be given opportunities within communities to do so.  Artist, in this role, serve as a great catalyst for creating and inspiring individuals and societies to positive change
A recent example is of how art has impacted the world in a positive way, but through a devastating situation, is with the situation of the numerous loses of the Charlie Hebdo cartoonists in France.   The act to silence their art has created  strong international  unity to fight against terrorist and to defend freedom of speech.

An artist, when he\she is working from the messages coming from his\her soul and heart  is provided with the gift of promoting love, abundance, hope, joy, and life. 
Although with the case of Charlie Hebdo, with great pain and suffering for some».

The creative process, from formulating an idea to the actual execution of the work is fascinating and a personal “sign or mark” of each artist.  Where does your inspiration come from and how does your creative process work?

«This is a profound and excellent question, and it is not easy or simple to answer.  The answer merits a long response and for the purpose of this interview, I will give a brief answer.                        
My inspirations to create come from various sources: 

1) external stimuli - people, places, experiences, and my thoughts, emotions and sensations connected with each; 
2) intuitive messages (internal stimuli) that come unexpectedly; 
3) a desire to transform a message to “teach or enlighten” others in a fun or indirect manner; 
4) a drive to experiment with materials and then I allow the materials lead me to create the form and select the color. 

I find that the most successful or effective process is to be spontaneous\free in selecting materials, colors, medium and the form that represents what I would like to create».

You are able to touch the soul of people, move their hearts and minds opening the door to emotionality, thanks to your artistic creations, what do your clients say, what is your secret? 

«When my art  has this affect upon its viewers, I feel I am fulfilling my life’s-purpose. Many people tell me that my art does this, they say it is full of light and inspires.  Although, not everyone does nor can  resonate with my art. 
There is no real secret, it is something that is inside of me.  
I have not tried to analyze this,  it just happens». 

You represent a crosscurrent phenomenon.  Statistics this year have shown that the total amount of Italian emigration has surpassed that of foreign immigration coming to Italy.  , Going back  two centuries, Italians were those with the “ cardboard suitcases”, demonstrating the lack of faith and hope in our country.   
You, on the contrary, from the United States came to Italy, where you live and work with great success;  you are a privileged witness who can observe our country with a less pessimistic eye. 
How do you ” live” our Italy?

«I have been living and working in Italy for over 30 years. 
Coming from an Italian background, and being raised within an Italian immigrant community until I was 8 years old, my formative values were and remain Italian.  
I was always the “exception to the rule when I was given psychological testing in school, as my results classified my values and behavior typical of Southern Mediterranean countries.

Since the first time I came to Italy at the age of 13, I felt at home. 
Although I never consciously planned on “immigrating” to Italy even though I have had dual citizenship, due to my Italian heritage.  
Maybe it was my destiny that I am living here.  

I had the chance to study one year in Rome, and after graduation and from thereafter I kept receiving important  international career opportunities related to Cross Cultural Organization Behavior working with leading public and private organizations and individuals in Italy. 
I have also worked throughout Europe, Asia and some in the US;  although the working relationships that have been the most fulfilling and natural for me have been in Italy. 

I always appreciated that  Italians know how to work hard but also take time to appreciate and enjoy life, something that I did not see in the United States.

Sometimes today I get frustrated that many Italians do not appreciate and respect the multitude of richness there is in Italy.   
Looking around the world, many countries are facing challenges, in one way or the other.
I believe that things will turn for the better

Being an artist, Italy is one of the most important place one could live».

What are the bright points beyond the dark that should be developed or enhanced to create a future different from our present?

«To give more value and utilize the gift of creativity that is innate to Italians. 
To appreciate, respect, value and be proud of living in one of the most beautiful countries in the world, rich with history, culture, natural beauty and, at the heart of everyone - a strong sense of being humanitarian. 
To transform the individualist characteristic to be used in positive way for example not letting the negativity of others and situations surrounding them effect but find and fight to look for solutions and to act upon these. 
I am grateful and admire many individuals who, even with limited resources and numerous obstacles, provide positive support and projects to improve the situation.  
I have met many individuals and groups in Italy who have been dedicated and generous in supporting the arts. 
In your area,  Biella, I have had the opportunities to meet and be associated with several important people, including: Mariella Biollino – Sindaco Candelo, ex-Provincial Cultural Assessor;  journalists with both national and local media, Il BielleseLa Stampa, etc;  numerous artists and craftsman working in the Cantine at Ricetto di Candelo; Anna Azario,  Pria Factory;  Graziano Prola, picture framer and “appassionato di arte” – Il Cornicaio, Borgo D’ale .  
Other individuals  in the Torino area whom I respect for their contributions include:  Anna Pironti, Barbara Rocci, Paola Zanini – Department of Education Castello di Rivoli, Catterina SeiaUNI Management.
I have seen and spoken with many people who think that this current situation is something positive, as it  is making many people re-look at their values and to recognize the greater need for love, appreciation and sharing and uniting more with others».

Creative, eclectic and radiant, you are always on the move.  
What projects do you have in mind next?

«I have numerous ideas. 
Currently I am working on projects for exhibitions related to the Expo 2015 CIBO theme, at this moment, for Milano, Parma, and Biella at the Spazio Pria -  June 2015. 
I am excited about these project opportunities, as I will be able to incorporate most aspects about what I enjoy the most.  Right now I am dedicating my time and energy for creating for these  exhibitions.  
As I move further along the process of creating for these exhibitions, I will be lead to know what my next project will be. 
I like surprising others and myself».










B.Saccagno
TRADUZIONE
Intervista a Carla Cecere
Artista


Sei un’artista vulcanica e poliedrica, con una bella storia alle spalle, ricca di esperienze e di viaggi, vuoi raccontarci in breve qualcosa di te, del tuo percorso che ti ha portato a scegliere l’arte come professione e stile di vita?

«Fin dalla prima infanzia io amavo creare e giocare con i colori.
Ero una bambina curiosa, mi piaceva conoscere cose nuove ed andare alla ricerca di sfide, sperimentare inventando creazioni artistiche che univano elementi diversi, come ad esempio spezie, fango, aceto, foglie d’alberi, carta, acqua…
Mi piaceva stare con le persone, vederle ridere ed aiutarle quando ne avevano bisogno.
Mia madre aveva il grande dono di saper suonare il piano – purtroppo per ragioni famigliari ed economiche non poté continuare la sua carriera –; mio padre possedeva un talento artistico innato che utilizzò nella sua professione, quella di  ingegnere autodidatta: lui  lavorava come pattern maker per l’industria -  aerospaziale e sistemi idraulici (costruiva, ad esempio, turbine in legno ed acciaio) - e collaborava, inoltre, con il Governo degli Stati Uniti.

Casa mia era sempre piena di musica, di letteratura e di discussioni appassionate dedicate all’arte, al design e all’architettura. Nella mia famiglia tutti erano ottimi, e fantasiosi, cuochi che non davano importanza solo all’estetica ed al gusto del piatto ma anche alla qualità ed ai valori nutritivi del cibo.
Io, da bambina, passavo molti fine settimana in cucina ad aiutare mia nonna, sperimentando  ricette creative inventate da me.

Decisi di diventare un’artista professionista durante gli anni della scuola superiore, in quel periodo
iniziai a realizzare progetti artistici, che esprimevano messaggi spirituali e con forte un simbolismo comunicativo, e a seguire i miei interessi, frequentai  corsi d’arte, di psicologia, di scienze e di filosofia, sia orientale che occidentale.

All’età di 17 alcuni dei miei lavori erano già esposti in importanti musei statunitensi – ad esempio al Los Angeles County Museum –  ed avevo vinto numerosi premi in concorsi indetti da prestigiosi enti ed organizzazioni, cito fra i tanti Us Postal Services e Bank of America.

In seguito fui accettata  all’Art Center College of Design, una delle tre più importanti scuole di design degli Stati Uniti, ma la mia famiglia, di origini italiane e di religione cattolica, non riteneva che la professione “dell’artista” potesse garantirmi una sopravvivenza dignitosa ed, in più, era fortemente convinta che l’unica educazione “culturale ed intellettuale” ammissibile per la loro figlia fosse quella impartita dai gesuiti; così, mancando il supporto famigliare - non solo sul piano economico ma anche emotivo -,  fui costretta ad  iscrivermi al Loyola Marymount, conseguendo doppia laurea: una in Psicologia ed una in Arte.
Durante quel periodo, oltre a dedicarmi allo studio, gestii una galleria d’arte, occupandomi anche  di picture framing ed interior design
Venni, poi, in Italia per frequentare un anno di Università a Roma e per me si aprì un nuovo mondo.

Grazie ai miei studi ed ai miei viaggi cambiai la mia prospettiva sul mondo e sulle persone.
Per ragioni famigliari ed economiche decisi di far tesoro della mia laura in Psicologia, cominciando subito a lavorare all’estero come consulente aziendale con leading multinazionali pubbliche e private sia in Europa che nel Sudest Asiatico. Le mie esperienze lavorative mi hanno dato l’opportunità di ricevere infiniti stimoli ed impulsi grazie alle tante civiltà diverse che ho incontrato, tutte ricche di storia, tradizioni, arte che mi hanno insegnato che per comprendere davvero gli “altri” bisogna conoscerne a fondo la cultura.
Sin dall’età di 6 anni desideravo lavorare in Asia ed in Europa, forse perché avevo capito sin d’allora che per conoscere ed apprezzare la gente di altri paesi è importante vivere e lavorare insieme a loro.

Dopo aver lavorato 5 anni sono ritornata a studiare per conseguire un Master’s Degree in International Organization Behavior all’University of Southern California, specializzandomi in Cross Cultural Management Behavior, sempre, però, continuando a lavorare come International Management Consultant in Europa e nel Sudest asiatico, anche in cllaborazione con professori universitari (Università Bocconi,  INSEAD, IMEDE, Honk Kong University, University Lund, MIT,
Harvard) esperti nel campo dell’International Change Management.
Nei miei consigli di consulente c’era sempre la mia filosofia personale: io volevo aiutare le persone a scoprire da sole come raggiungere la felicità; ritenevo che se le persone fanno qualcosa che le appassiona e se sono felici allora diventano più produttive ed utili, sia al lavoro, sia alla loro via, che per la società stessa.

Ho lavorato 23 anni come consulente internazionale mantenendo sempre i miei interessi artistici, acquistando, o vendendo, oggetti d’arte collezionati nei miei  tanti viaggi  di lavoro e scambiando idee con artisti ed architetti di tutto il mondo.
Finalmente negli anni ‘90, quando già ero residente e lavoravo in Italia, trovai la forza - complici i cambiamenti di filosofia aziendale che si stavano affermando e che andavano decisamente contro la mia etica ed  il forte bisogno di esprimere il mio lato artistico - di abbandonare la mia brillante carriera di consulente per dedicarmi completamente all’Arte.
Prima di lasciare la consulenza aziendale ho accettato un incarico a Hong Kong per 2 anni, per una ditta inglese, con il compito di sviluppare nuovi servizi di consulenza nel Sudest asiatico; fu proprio alla fine di questo lavoro che la mia etica e i miei valori vennero messi a dura prova e questa fu la svolta decisiva che mi diede il coraggio di tornare in Italia per seguire i miei sogni di gioventù.
Mi stabilii in Veneto, dove desideravo vivere sin dalla prima adolescenza, per imparare le tecniche di lavorazione ceramica a Bassano del Grappa e per essere vicino a Venezia. Qui, negli otto anni che vi risiedetti, ritornai a lavorare la ceramica, intrecciando splendide amicizie con grandi artisti italiani, come Gianmaria Potenza, Alberto Gianquinto, Vittorio BasagliaAngelo Zennaro, Pino Castagna Carmelo Zotti.
Alcuni mesi dopo cominciai a lavorare come artista grazie a numerose commissioni, inviti a mostre e  offerte di collaborazione in tutta Italia con prestigiose organizzazioni tra cui, ad esempio, Nazioni Unite a Vienna, Peggy Guggenheim – Venezia, Kunst Meran di Merano, Ubaldo Grazia – Deruta.
Vivere vicino alla meravigliosa città di Venezia era uno stimolo enorme per la mia creatività, facevo fatica a mantenere il ritmo fra idee e realizzazione delle opere.
Dopo aver lavorato tanti anni come consulente ritornare all’Arte è stato un modo per affrontare tante sfide personali, sia a livello psicologico ed emotivo che economico.
Non fu una decisione razionale ma fu dettata dal mio subconscio, una vocina interiore mi diceva, e mi dice ancora, di avere il coraggio di dedicarmi all’arte.
Ultimamente ho compreso quanto la mia educazione, le mie esperienze e la mia professione di consulente abbiamo fortemente influenzato ed arricchito la mia arte. Così spero che la mia vasta esperienza permetta alla mia arte di venir condivisa e di essere in sintonia con un grande numero di persone provenienti da culture e background diversi».

Sei un’artista “polimaterica”, lavori con materiali molto diversi ceramica, tessili, tela, quali prediligi e perché?

«Le ragioni sono molteplici, innanzitutto utilizzare materiali eterogenei mi permette di esprimere differenti emozioni, sensazioni e pensieri, perciò scelgo elementi diversi a seconda di quello che voglio comunicare e di cosa provo in un determinate momento.
Mi piacciono le sfide, imparare continuamente e trovare nuove soluzioni perciò lavorare con materie diverse soddisfa queste mie esigenze, poi è anche una conseguenza diretta dei miei studi.
Quella che preferisco è la ceramica perché: la creta è viva, quando si lavora è flessibile, si muove lasciando trasparire le emozioni e le sensazioni che lentamente prendono forma, questa sua proprietà peculiare lascia emergere il subconscio o il super conscio al livello di coscienza molto dolcemente; la creta ha anche una dimensione solida, stimola i sensi –  tatto, vista, odorato  - e sembra più “concreta”, almeno secondo la mia personale opinione; lavorare con la ceramica ha un effetto rilassante e calmante, è scientificamente provato; gli oggetti in ceramica oltre ad essere opere d’arte sono oggetti funzionali che si possono utilizzare nel quotidiano. Io adoro assaggiare e gustare la cucina di tutto il mondo e creare nuove ricette, inoltre lavorando con la ceramica posso unire ed integrare i miei interessi per i colori e la nutrizione.
In ultimo, ed è forse il motivo più importante, per me si tratta di “destino” o di istinto naturale».

Vuoi darci la tua personale  definizione di “artista”?

«In generale, artista è  chi crea con la pittura, la scultura, il disegno, la musica, il teatro, la scrittura, etc.
Secondo la mia visione, artista è chi esprime messaggi, sensazioni, emozioni che ha nel suo cuore e nella sua anima, chi riflette nelle sue opere le sue esperienze,  o quelle di altri, del passato, del presente e anche del futuro».

In questo nostro mondo liquido mancano le certezze e la cultura viene spesso considerata quasi un fanalino di coda, mentre al contrario è il faro per uscire da questo circolo vizioso in cui siamo caduti.  L’arte, la cultura, la bellezza da sempre sono state lo spirito guida per trasformare i momenti di crisi in straordinarie opportunità cambiando le carte in tavola, perché arrivano allo spirito ed alla mente delle persone senza lasciarle cadere nel vuoto dell’orrore e delle insicurezze.
Secondo te qual è il ruolo e quale il dovere che l’arte dovrebbe avere in questo momento?


«Concordo con questa affermazione, in più ritengo che l’Arte, oggi, dovrebbe essere considerata un prezioso  catalizzatore per il cambiamento.
Se noi consideriamo l’arte un mezzo per favorire la  collaborazione fra società e paesi, per unirli, allora l’arte, sotto questo punto di vista, assume un ruolo estremamente potente nel  generare  un cambiamento in un’ottica che la politica, la medicina tradizionale, etc,  non riescono ad affrontare in eguale maniera.
Data la premessa io credo che l’arte sia da considerare:

•        Un “prodotto” culturale che riflette come le persone vedono sé stesse ed il mondo circostante;
•        una  “forma” che documenta la nostra storia contemporanea, illustrandone i valori culturali, le emozioni e i pensieri;
•        un “modo” per  raffigurare sia la bellezza che la sofferenza;
•        Uno “strumento” che ci permette di esplorare le nostre emozioni e i nostri pensieri, a livello del conscio e del subconscio;
·                    Un “modello” o un esempio.

Un artista si assume il rischio di sviluppare punti di vista differenti e di cercare nuove visioni – unendo creatività ed inventiva -. Spesso un artista, grazie alle sue interpretazioni ed alle sue intuizioni, ci aiuta a vedere cose che noi non avremmo mai immaginato; con l’atto creativo l’artista diventa un leader capace di innescare un processo di cambiamento.
Per generare un cambiamento concreto gli artisti devono creare partendo dal loro cuore e dalla loro anima, dai luoghi della purezza, dell’amore e della verità. 
L’arte deve sfidare gli individui motivandoli a guardarsi dentro e a porsi delle domande.    
L’arte e le esperienze umane hanno bisogno di essere condivise. 
Oggi le difficoltà, a livello mondiale ed individuale, sfidano  non solo tutta la società ma anche la sensibilità dell’artista ad andare oltre il dolore e la sofferenza.
Un  artista può  superare le barriere paralizzanti del mondo esterno attraverso la sua capacità di ”toccare” le sue emozioni, quando arriva ad interpretare ed esprimere i messaggi della sua anima e del suo cuore.  L’artista, perciò, non deve cadere in questo circolo vizioso -  energie in calo e aumento di paure e di insicurezze che paralizzano il mondo  - ma deve farsi carico della sfida, assumendosi in prima persona grandi rischi, inventando nuove visioni e altre vie alla ricerca di qualcosa di innovativo e migliore.  
Un artista, per far questo,  ha bisogno di condividere la sua arte con la comunità e vede perciò ha bisogno di trovare l’opportunità di mostrarla.
L’artista si assume il ruolo di catalizzatore nell’ispirare gli altri e nel generare un cambiamento positivo.  
Un esempio in questo senso lo abbiamo visto durante il devastante avvenimento  di Parigi: l’atto terroristico che voleva mettere a tacere la voce libera dei caricaturisti di Charlie Hebdo e scatenare la paura ha, al contrario, generato una forte coesione internazionale a difesa della libertà di espressione e alla lotta  contro il terrorismo.
Solo quando il lavoro di un’artista proviene dalla sua anima e dal suo cuore può offrire agli altri il suo dono, quello di comunicare l’amore, l’abbondanza, la speranza, la vita e la gioia, anche se, a volte, come nel caso di Charlie Hebdo, lo fa con grande sofferenza e dolore».

La creazione e I percorsi mentali che tramutano l’idea in un progetto realizzato sono assai affascinati e sono il segno personale, la firma di ogni artista.  Dove trai la tua ispirazione e come funzione il tuo processo creativo che trasforma un pensiero in arte?

«Questa è una domanda molto complessa e non è facile rispondere in due parole, meriterebbe una risposta troppo lunga per un’intervista ma proverò a spiegarlo in breve.
Io traggo la mia ispirazione da molte fonti : dagli stimoli esterni – la gente, i luoghi, le esperienze e dalle connessioni che questi generano con i miei pensieri, le mie emozioni e le mie sensazioni;  dalle intuizioni che arrivano inaspettatamente;  dal desiderio di comunicare un messaggio che “guida o illumina” gli altri in modo divertente e piacevole; dal viaggio attraverso la materia, in un dialogo che mi porta a creare le forme e i colori di un’opera.
Io credo che il processo creativo migliore sia quello spontaneo, libero di scegliere materiali, colori, forme e mezzi per riuscire a realizzare ciò che deve emergere».

Tu riesci ad arrivare all’anima della gente, a colpire il cuore e la mente aprendo le porte all’emotività grazie alle tue creazioni artistiche, come raccontano i tuoi clienti, qual è il tuo segreto?

«Quando la mia arte riesce a “toccare” l’osservatore in questo modo io sento di aver pienamente raggiunto il mio scopo. Molta gente mi dice che  la mia arte riesce a far questo perché è piena di luce ed ispira, anche se non tutti possono far risuonare la loro anima attraverso la mia arte. 
Non c’è un vero segreto, è semplicemente qualcosa che ho dentro ed in realtà non ho mai cercato di capire cosa sia, accade e basta». 

Tu rappresenti un fenomeno in controtendenza, quest’anno i dati evidenziano che il saldo dell’emigrazione italiana supera quello dell’immigrazione straniera verso il nostro paese, riportando l’orologio del tempo agli ultimi due secoli scorsi dove quelli con la valigia di cartone eravamo noi, segno questo che non crediamo più nel nostro paese e che non vediamo più possibilità per noi. Tu, al contrario, dagli States sei venuta in Italia, dove vivi e lavori con grande successo; sei di certo una testimone privilegiata che può osservare il nostro paese con un occhio meno pessimistico del nostro. Come “vivi” la nostra Italia?

«Da oltre 30 anni vivo e lavoro in Italia. 
Sono di origini italiane e sono cresciuta, sino all’età di 8 anni, in una comunità di immigrati italiani negli USA e quindi i miei valori educativi erano e restano italiani.
Io sono sempre stata l’eccezione alla regola, questo era quello che emergeva dal mio profilo psicologico scolastico, infatti definirono il mio comportamento ed i miei valori culturali tipici delle culture del Mediterraneo Meridionale.
Sin dalla prima volta che venni in Italia, avevo 13 anni, mi sentii a casa. 
Non ho mai pianificato di immigrare in Italia, nonostante abbia sempre avuto la doppia cittadinanza, retaggio della mia eredità italiana.
Forse è stato il destino che mi ha portato qui. 
Ho avuto la possibilità di poter studiare un anno a Roma e dopo la laurea ho ricoperto importanti incarichi internazionali, conseguenza dei miei studi in Crisis Cultural Management Behavior, che mi hanno permesso di collaborare con importanti associazioni italiane, sia pubbliche che private. 
Ho anche lavorato negli Usa, in Europa e in Asia ma devo dire che le mie relazioni più soddisfacenti e naturali sono state quelle che ho intessuto in Italia.
Io ho sempre apprezzato la capacità degli italiani di essere grandi lavoratori senza perdere l’attitudine a godersi la vita e a prendersi il tempo per sé, cosa, questa, rara  negli Stati Uniti.
Ogni tanto rimango perplessa nel sentire che molti italiani non apprezzano e non rispettano le grandi ricchezza dell’Italia. 
Se ci guardiamo intorno molti paesi del mondo stanno, oggi, affrontando difficili sfide, non solo l’Italia ed  io credo che le cose cambieranno in meglio. 
E, poi, per un artista l’Italia è uno dei posti migliori in cui vivere».
  
Quali sono i punti di luce che osservi oltre il buio che dovrebbero essere potenziati per un futuro diverso dal nostro fosco presente? 

«Valorizzare ed utilizzare il grande dono della creatività che è innato  negli italiani.
Apprezzare, rispettare ed essere orgogliosi di vivere in uno dei più bei paesi del mondo, ricco di storia, cultura, bellezze naturali e di grande umanità.
Trasformare le tendenze individualistiche dal negativo al positivo
, ad esempio, non lasciare che la negatività altrui e le situazioni circostanti abbiano effetti su di noi ma continuare a lottare per cercare soluzioni e agire, anche da soli, a vantaggio della comunità.
Io sono grata ed ammiro i molti individui che, pur avendo risorse limitate e dovendo affrontare  numerosi ostacoli, offrono sostegno a progetti  e ad eventi che possono migliorare questa difficile situazione. In Italia ho incontrato molte persone, singole e in team, che generosamente sostengono le arti. 
Nella vostra zona, Biella, ho avuto l’opportunità di conoscere  molte persone importanti come  Mariella Biollino, sindaco di Candelo ed ex assessore alla cultura della Provincia di Biella, giornalisti di stampa locale e nazionale,  numerosi artisti ed artigiani che lavorano nel Ricetto di Candelo, Anna Azario, proprietaria di Spazio Pria, Graziano Prola, corniciaio e appassionato d’arte, così come a Torino, fra le quali cito Anna Pironti, Barbara Rocci, Paola Zanini – dipartimento educazione del  Castello di Rivoli, Catterina SeiaUNI Management.
Io ho parlato con molta gente che pensa che questa crisi sia qualcosa di positivo perché ci permette di rivedere i nostri valori e di riconoscere un più profondo bisogno di amare, di condividere e di unire».

Creativa, poliedrica e solare sei sempre in movimento, quali sono i tuoi prossimi progetti in cantiere?

«Ho molte idee, attualmente sto lavorando a vari progetto sul cibo, tema principale di Expo 2015, a Milano, Parma, Biella, in occasione della Biennale Pria 2015  che si terrà a Biella, allo Spazio Pria, in Giugno. 
Sono molto entusiasta  perché qui avrò la possibilità di unire molti dei miei interessi e delle mie ricerche.
Sto dedicando tutta la mia energia ed il mio tempo a queste opportunità per realizzare le opere che esporrò in questi eventi, ma taccio sui miei prossimi progetti: mi piace sorprendere gli altri e me stessa».










B. Saccagno